Altri contenuti - Corruzione

STP Brindisi SpA ha adottato un proprio Piano triennale delle misure di prevenzione della corruzione ex Lege 190/2012 (di seguito anche PTPC e/o “Piano”) e individuato un dirigente con funzione di Responsabile della prevenzione della corruzione (di seguito anche “RPC”): tale soggetto collabora alla predisposizione del Piano triennale, svolge attività di verifica e controllo del rispetto delle prescrizioni in tema di anticorruzione.
In applicazione della legge n. 190 del 2012 e con il compito di coordinare l’attività di elaborazione del Piano triennale di prevenzione della corruzione, STP Brindisi spa ha individuato  la Dott. Luciana Carella, quale Responsabile della prevenzione della corruzione della Società.

Programma Triennale Trasparenza e Integrità

Il Programma Triennale per la Trasparenza (PTTI) e l'Integrità di STP è improntato ai principi normativi in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni dettati dal D.Lgs 33/2013 e si pone l'obiettivo di introdurre e attuare misure di trasparenza, intese quali efficace e totale accessibilità alle informazioni concernenti l'organizzazione e l'attività della Società. La trasparenza consente, attraverso le suddette misure, di attuare i principi costituzionali di uguaglianza, imparzialità, buon andamento, responsabilità, efficacia ed efficienza nell'utilizzo delle risorse pubbliche. Essa, oltre ad essere  condizione di garanzia delle libertà individuali e collettive, concorre alla realizzazione di una amministrazione aperta al servizio del pubblico.
La trasparenza mira inoltre ad alimentare il rapporto di fiducia intercorrente tra la collettività e le Società, a promuovere la cultura della legalità, a prevenire fenomeni corruttivi attivando un processo partecipativo della cittadinanza.

Segnalazioni di illecito - whistleblower

STP BRINDISI S.P.A. ha adottato una procedura che stabilisce le modalità di segnalazione di illecito proveniente dai propri dipendenti secondo i principi consigliati da ANAC per le aziende in controllo pubblico.
Il dipendente che venga a conoscenza, in ragione del rapporto di lavoro, di una violazione, di un tentativo, o sospetto o sospetto di comportamento illecito all’interno della organizzazione aziendale, è tenuto a contattare il proprio diretto superiore gerarchico ovvero ad inviare una segnalazione scritta al Direttore e/o al Responsabile Prevenzione della Corruzione (RPC).
La Società adotta misure idonee ed efficaci affinché sia sempre garantita la riservatezza circa l’identità di chi trasmette al Direttore e/o al RPC informazioni utili per identificare comportamenti difformi da quanto previsto dalla normativa anticorruzione, fatti salvi gli obblighi di legge e la tutela dei diritti della Società o delle persone accusate erroneamente e/o in mala fede.
Il corretto adempimento dell’obbligo di informazione da parte del prestatore di lavoro non può dar luogo all’applicazione di sanzioni disciplinari nei suoi confronti.

link Legge 190/2012, art.1, comma 32
pdf.png RPC  (397.85 KB)
excel.png Scheda Relazione RPC  (97.09 KB)
ISO 9001

SOCIETÀ TRASPORTI PUBBLICI BRINDISI S.P.A.

Contrada Piccoli Z.I. - 72100 Brindisi
P.IVA 00112550744

Tel: 0831 54 91 Fax: 0831 57 57 12

logo regione pugliaRegione Puglia
logo provincia brindisiProvincia di Brindisi
logo comune brindisiComune di Brindisi
logo asstra
logo confindustria brindisi
logo cotrap